Cosa fare quando si ha paura del dentista?

L’odontofobia è il nome della fobia dei dentisti e delle cure dentistiche ed è una condizione molto più comune di quanto si possa credere, non solo nei bambini più piccoli. 

Le persone affette da questa condizione hanno attacchi d’ansia di fronte all’eventualità di dover andare da un dentista. Per questo si ritrovano a dover rimandare sempre gli appuntamenti, poichè incapaci di presentarsi, negandosi così le cure necessarie e creando disagio all’interno dello studio dentistico. 

L’odontofobia è quindi una realtà, una vera reazione di paura e panico che può portare a gravi conseguenze sia per la salute delle persone che per il loro stato psico-sociale.

Indice contenuti

Come si manifesta l’odontofobia?

Una persona che soffre di odontofobia evita a lungo di prestare attenzione ai bisogni dei propri denti, negandosi perciò i controlli, l’igiene dentale e persino le cure in caso di malattie.

In caso di dolore questa cerca di ignorarlo il più possibile, peggiorando nel frattempo le sue condizioni sia fisiche che mentali, dovendoci convivere a lungo. 

Qualora si ritrovi costretto a doversi presentare in studio, non potendo rimandare ancora, applicherà una serie di comportamenti che peggioreranno la sua condizione piuttosto che aiutarlo.

Ad esempio è stato visto che chi soffre di odontofobia tende a presentarsi molto in anticipo agli appuntamenti, da solo, sicuro di poter avere così il tempo e la forza di controllare la paura. 

Ma questo lo costringe a stare il più a lungo possibile a contatto con la fonte della sua paura, prestando a questa eccessiva attenzione e aumentando il suo stato di ansia. 

paziente donna con paura del dentista

Quante persone hanno paura del dentista?

Molte persone in Italia dichiarano di avere “paura del dentista“. Si stima che una percentuale di circa il 10-15% dei pazienti ha un vero “terrore del dentista” , mentre oltre il 60-70% delle persone non va dal dentista volentieri e se possibile rimanda le cure dentali.

Da cosa può derivare la paura del dentista?

Le cause dell’odontofobia possono essere molteplici.

Si pensa possa derivare da un fattore traumatico: chi durante l’infanzia ha avuto un’esperienza dolorosa dal dentista ha infatti molte più probabilità di sviluppare l’odontofobia. 

È stato poi visto che anche soggetti con disturbi d’ansia o depressivi hanno più probabilità di sviluppare questa fobia.

Ancora, un altro aspetto che può portare a questa condizione è la paura legata al dolore e in questo caso allora non sarebbe relativa al dentista in quanto tale, ma all’associazione del concetto di dolore allo studio odontoiatrico.

Infine è stato visto che spesso la paura può derivare da una visione distorta del dentista, che viene considerato freddo, disinteressato, burbero e per niente empatico e sensibile al dolore altrui.

La paura del dentista può essere anche essere alimentata da racconti di famigliari piò o meno stretti, che hanno ricevuto trattamenti dolorosi o hanno vissuto esperienze in cui non si sono sentiti a loro agio durante una seduta odontoiatrica.

In generale, poi, chi ha una soglia del dolore bassa avrà probabilmente maggiore fobia durante un intervento odontoiatrico.

Cosa fare per superare la paura del dentista?

L’odontofobia, ovvero la paura del dentista, può essere un problema se presente negli adulti e ancora di più se presente nei bambini (qui un articolo sull’odontofobia nei bambini) , in quanto spesso impediscono con capricci e pianti il corretto svolgersi del lavoro. 

Per questo si rendono necessarie strategie e tecniche atte a rilassare il paziente e tranquillizzarlo. 

Alcune soluzioni possono essere applicate già a livello comportamentale, allestendo una sala d’attesa rilassante o tentando di mettere il paziente a proprio agio con un atteggiamento cordiale, sincero e piacevole. 

Ma a volte queste strategie non bastano, soprattutto in caso di ansie patologiche o bambini, per questo può essere d’aiuto la sedazione cosciente con protossido d’azoto

Instaurare un rapporto di fiducia con il paziente fobico grazie alla sedazione cosciente

La sedazione cosciente è una soluzione ideale contro la paura del dentista e viene effettuata tramite l’uso di una mascherina da tenere sul naso, che permette di respirare una miscela ad alta concentrazione di protossido di azoto, una sostanza farmacologica ansiolitica e analgesica.

Questa sostanza non è tossica e permette al paziente comunque di restare cosciente così da essere collaborativo e presente.

La quantità di protossido di azoto è calibrata da paziente a paziente, nella giusta dose personalizzata, in questo modo chi ne usufruirà si sentirà immediatamente rilassato e tranquillo, senza alcuna controindicazione. 

Il paziente che entra per la prima volta nello studio per un preventivo di cura è un’opportunità unica che deve essere utilizzata nei migliori dei modi per acquisire la sua fiducia.

In questi casi, spesso, il dentista ha una sola possibilità di farlo diventare paziente.

Il paziente nuovo deciderà dove farsi curare in base a valutazioni personali che raramente si basano esclusivamente sulla bravura e capacità tecnica dello studio.

Come accogliere il paziente che ha paura del dentista

Il paziente (e non solamente quello fobico) non è, solitamente, in grado di giudicare la qualità dei lavori ma si basa su altri aspetti da lui percepiti come qualità:

  • non deve sentire dolore
  • l’ambiente deve essere accogliente, confortante, pulito
  • il personale gentile e premuroso
  • le attrezzature moderne, nuove, tecnologiche
  • non essere “caro”

Per il paziente la principale preoccupazione è quindi:

  • non sentire male
  • non avere paura
  • essere tranquillo

Il paziente dà per scontato che le cure prospettate vengano eseguite a regola d’arte da tutti gli studi interpellati. A questo punto può giocare un ruolo fondamentale il prezzo e la “qualità percepita“.

Il fare provare la sedazione cosciente (chiamata anche analgesia sedativa) nella prima visita, in fase di piano di cura, di preventivo, diventa la prova più efficace, immediatamente percepita dal paziente, di disporre di una tecnologia esclusiva, all’avanguardia per il benessere del paziente. La dimostrazione più evidente di essere in grado di prendersi cura non solo dei suoi problemi dentali ma anche del suo stato d’animo ed aiutarlo ad affrontare qualsiasi intervento odontoiatrico.

Un aspetto raramente considerato importante dai dentisti, ed ancor meno affrontato seriamente.

Alla prima visita il paziente oltre alla normale paura del dentista, aggiunge l’ansia di entrare in un posto nuovo, non conosciuto. Preoccupato di come sarà trattato, dell’esito della visita, del costo delle cure.

Questa è la situazione ideale per fare provare al paziente l’analgesia Sedativa.

Una esperienza che trasformerà la visita odontoiatrica in un piacevole ricordo, ma soprattutto il paziente avrà avuto la possibilità di conoscere un procedimento che non tutti usano e che peserà moltissimo sulle sue valutazioni finali.

Più il paziente è ansioso e più la terapia usata gli sembrerà irrinunciabile, anche se altri preventivi fossero meno cari, a parità di cure.

La sedazione cosciente con protossido d’azoto, se ben motivata e fatta provare alla prima visita, diventa il miglior biglietto da visita che lo studio possa utilizzare ed essere certo che venga percepito come vantaggioso dal paziente. A maggior ragione se gratuita. Una novità che non lascia indifferenti nessuno. Una piacevole sorpresa che potrà essere estesa a tutti i famigliari.

Ulteriori consigli per superare la paura del dentista

Superare la paura del dentista è una sfida comune per molte persone, ma ci sono diverse strategie che possono aiutare a gestire e ridurre questa ansia. Ecco alcuni consigli pratici:

Ricerca e recensioni

Avere buone recensioni ed una buona reputazione online che evidenzi il fatto di essere un dentista comprensivo ed empatico facilita la scelta da parte del paziente ansioso che ricerca informazioni e giustamente vuole essere rassicurato di rivolgersi al giusto professionista

Visita preliminare

Avere l’opportunità di conoscersi prima della seduta è un buon modo per rompere il ghiaccio prima di dover effettuare alcun trattamento

Discutere delle paure del paziente

Un buon dentista sarà comprensivo e cercherà di mettere a proprio agio i pazienti, comunicando apertamente ai pazienti di discutere delle paure pregresse

Concordare segnali di pausa

E’ opportuno concordare un segnale (come alzare la mano) per fare una pausa durante il trattamento in caso di disagio del paziente

Respirazione profonda

Praticare tecniche di respirazione profonda per ridurre l’ansia. Inspirare lentamente attraverso il naso, trattenere il respiro per qualche secondo, ed espirare lentamente può aiutare il paziente a rilassarsi.

Musica rilassante

Confezionare una playlist musicale con musica che ispiri relax e calma ad hoc per lo studio, può essere un buon modo per consentire al paziente di rilassarsi ed instaurare empatia discutendo dei gusti musicali.

Visualizzazione

La tecnica della visualizzazione consiste nell’immaginare un luogo o una situazione che rilassa

Conoscenza dei trattamenti da affrontare

Informare il paziente sui trattamenti che dovrà affrontare in modo che comprenda le procedure può ridurre l’ansia da incertezza.

Visite regolari

Incentivare il paziente ad effettuare visite regolari attraverso un piano di prevenzione ben definito può rappresentare un ottimo modo di stabilire un rapporto di fiducia tra paziente e professionista.

Nei casi più difficili, avere il supporto di famigliari o di persone di fiducia può fare la differenza per il paziente con paura del dentista.

Affrontare la paura del dentista richiede tempo e pazienza, ma con questi suggerimenti, è possibile rendere le visite dentistiche meno stressanti e più gestibili, sia per il paziente, ma anche per l’odontoiatra.


 

Sei curioso di sapere di più sui vantaggi della sedazione cosciente? Visita oggi stesso il sito web di Reinhold, la prima azienda italiana specializzata in sedazione cosciente inalatoria!

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci i tuoi dati per ricevere tutte le informazioni.

Questo sito è dedicato esclusivamente agli operatori del Settore Odontoiatrico e Sanitario. Pertanto, per visitare il sito, dichiaro di essere un operatore qualificato.